Casa dell'Ospitalità di Venezia e MestreCasa dell'Ospitalità di Venezia e Mestre

Ripartire da un tetto e da un letto... per arrivare lontano!

Dal corso di acquerello alle mostre di pittura nel centro storico di Venezia
2007

Dopo questo primo esperimento ho ritenuto importante continuare a sviluppare il laboratorio artistico all'interno dell'attività programmata per la Comunità di S. Alvise e così nel mese di Febbraio 2007 abbiamo allestito una Mostra interna nella Sala da Villa della Casa dell'Ospitalità di Mestre denominata "La comunicazione oltre le parole"... e fu presentato un progetto alla direzione nel quale si proponeva:

  1. Continuare con il Laboratorio di pittura
  2. Continuare con il corso di Modellato in creta (tenuto dallo scultore Nicola Losego)
  3. Arrivare a Dicembre 2007 con una Mostra collettiva nella sala S. Leonardo a Venezia

 

Visite guidate alle Mostre d'arte

Parteciparono una media di cinque ospiti.

  • Le Gallerie dell'Accademia delle belle arti: guidati da Nicola Losego e Serena Nono
  • La Biennale di Arti visive e contemporanee con Serena Nono e la sottoscritta.

 

Gruppo del Corso di Pittura ad olio e acrilico

Su suggerimento di Antonio P. si è pensato di cambiare tecnica pittorica, si voleva sperimentare la pittura ad olio e acrilico, in seguito è stato chiamato il maestro di pittura del Liceo artistico Statale di Venezia: prof. Maurizio Favaretto, che un po alla volta è diventato un punto di riferimento importante per il gruppo. Il prof. Favaretto è convinto che gli ospiti non vanno motivati all'arte pittorica con le tecniche dell'arte-terapia, ma integrandoli e stimolandoli attraverso l'interazione con dei partecipanti esterni (Maurizio F. Serena N.) e attraverso le immagini; quindi tutti sono stati messi in gioco, ed ogni settimana ci si sfida con dei temi complessi non solo a livello pratico ma soprattutto per i loro contenuti profondi che riguardano: l'impatto ambientale della laguna di Venezia, il degrado della città, visto attraverso le varie esperienze personali, che è stato fotografato e dipinto con la tecnica dell'acrilico, argomenti sviluppati in piccoli gruppi composti da due o tre ospiti.
L'elaborazione dei lunghi rotoli dipinti da sette ospiti è stata un'esperienza molto particolare e merita un'analisi a parte. La sovrapposizione dei dipinti eseguiti da diverse persone era motivo di contrasto, in quanti si perdeva l'individualità e si metteva in gioco la tolleranza reciproca nel veder mutare i propri disegni in seguito all'intervento di un'altra persona, in questi momenti si rendeva evidente chi era il meno accettato dal gruppo, lo stesso si metteva in evidenza chi fosse il meno tollerante. Per me come operatrice, il laboratorio di pittura era come leggere un libro aperto, mimetizzata come un ospite ero accolta in questo gruppo, e così dipingendo "in comunità" il gruppo ha cominciato a crescere, a rafforzarsi; inizialmente rifiutando l'invadenza l'uno dell'altro nello spazio personale delimitato dai disegni individuali e finalmente si è arrivati ad una tolleranza reciproca che ci ha portato a pensare "in disegni comuni" elaborati da cinque a sette persone: Giancarlo, Fabio, Antonio, Daniele, Luigi, Petru, Emilio, il prof. Favaretto, Serena Nono e la sottoscritta. Pasquale entusiasta collaboratore del laboratorio artistico non è riuscito ed integrarsi ed accettare il tipo di lavoro comunitario e ha continuato a dipingere individualmente. Comunque sempre seguito dall'istruttore.

 

La mostra a S. Leonardo: Una presenza in città. Prima mostra del Laboratorio di pittura della Comunità di S. Alvise

A Dicembre del 2007 siamo arrivati ad allestire una mostra complessiva nella sala S. Leonardo a Cannaregio.
Con la collaborazione dell'ufficio grafico del comune di Venezia abbiamo stampato 210 locandine e 250 cataloghi.

mostra_s_leonardo_2007_01 mostra_s_leonardo_2007_02 mostra_s_leonardo_2007_03 mostra_s_leonardo_2007_04 mostra_s_leonardo_2007_05 mostra_s_leonardo_2007_06 mostra_s_leonardo_2007_07

La mostra ha riscosso molto successo da parte del pubblico e delle istituzioni, sono state presentate 45 opere degli ospiti. Il dell'inaugurazione erano presenti circa sessanta persone che alla fine hanno potuto festeggiare con un piccolo rinfresco. L'ultimo giorno è stato gradito ospite il sindaco Massimo Cacciari che dialogando con gli autori ha manifestato la sua soddisfazione per il livello raggiunto dalla mostra e in particolare lodando i lunghi rotoli realizzati collettivamente.
Possiamo finalmente dire che attualmente i nostri ospiti di S. Alvise non sono più gli invisibili che la società emarginava, ma ora hanno più amici, si stanno integrando socialmente, rappresentano una presenza in città, probabilmente per alcuni di essi sarà un inizio del recupero delle relazioni con la società.

 

Il filmato "Ospiti"

Il filmato "Ospiti" realizzato dalla pittrice Serena Nono, la quale ha scritto una bellisssima lettera, è stato presentato il 3 settembre 2007 all'interno del "Venice film meeting" al cinema Astra del Lido di Venezia in occasione della 64 Mostra del Cinema. Racconta la storia di otto ospiti della Comunità di S. Alvise.

In seguito è stato riproposto in Dicembre nella sala S. Leonardo in occasione della prima mostra del laboratorio di pittura e nell'Auditorium del Pratonato dei Frari, poi al Liceo Artistico Statale di Venezia nel Febbraio 2008. L'opera ha riscontrato molto interesse da parte del pubblico e grazie a queste proiezioni gli ospiti hanno ampliato il loro gruppo di amici e conoscenze nei diversi quartieri veneziani.
Il merito di Serena Nono è stato quello di riuscire a mettere a proprio agio gli ospiti che spontaneamente si sono svelati a se stessi. Tutto è stato possibile grazie al rapporto che si è instaurato tra la "amica" Serena e i protagonisti. Qui potete leggere la lettera di Serena Nono.

via_della_croce_10 via_della_croce_01 via_della_croce_08 via_della_croce_07 via_della_croce_03 via_della_croce_11 via_della_croce_02 via_della_croce_09 via_della_croce_12 via_della_croce_04 via_della_croce_13 via_della_croce_06 via_della_croce_05

Op. Ana Reque

...Dal corso di acquerello alle mostre di pittura nel centro storico di Venezia 2008 - 2009

Il laboratorio di pittura, in modo silenzioso e paziente è stato un gran testimone e osservatore del processo di trasformazione dell'asilo notturno in comunità... e il suo successo sta nell'aver collegato con efficienza il fare artistico con le problematiche dell'emarginazione sociale. Il laboratorio artistico di S. Alvise ora si sta trasformando in una realtà produttiva a beneficio della cittadinanza che va oltre l'attività pittorica.

Nell'anno 2005, sotto la direzione di Nerio Comisso, la struttura inizia un processo di trasformazione da Asilo Notturno a Comunità ed è precisamente in questo contesto che l'attività artistica è stata riproposta con tre obiettivi di lavoro:

  • Continuare con una tradizione nell'asilo notturno (i corsi di pittura tenuti da Donatella Besa dall'anno 1999 fino al 2002)
  • Riconquistare degli spazi fisici ad uso ludico - artistico e di socializzazione esterna - interna negli orari diurni (turno di pomeriggio).
  • Il Recupero delle relazioni interpersonali tra gli ospiti della Comunità nascente.

Ed è così che a marzo 2006 il corso rinasce come un laboratorio di pittura ad acquerello per la realizzazione di un libro collettivo. Nei primi mesi di attività la ricerca di un luogo tranquillo e sereno dove dipingere e comunicare silenziosamente con gli ospiti interessati all'attività artistica era praticamente impossibile in quanto vi era una lotta costante contro la resistenza ai cambiamenti da parte di alcuni ospiti accolti da circa 30 anni. Il gruppo composto da Pasquale, Antonio, Bruno, Alfio, Renato, Enzo, Khaled, Archimede, Salvatore e la sottoscritta contava dieci partecipanti. Il gruppo ha risposto all'iniziativa con entusiasmo e coraggio per vincere gli ostacoli e portare avanti la nuova attività; nonostante gli urli, gli insulti e i dispetti di alcuni ospiti, quindi anziché esser allietati da uno sfondo musicale si dipingeva accompagnati anche dagli urli del disagio e la disperazione di chi sentiva arrivare un cambiamento, finalmente sembrava che il vecchio asilo notturno cominciasse a cambiare aria...

 

Nell'anno 2007 - 2008

Prima mostra del Laboratorio di Pittura nella sala comunale S. Leonardo

Il sindaco Massimo Cacciari con un ospite della CasaA dicembre 2007 abbiamo allestito una mostra complessiva con le opere realizzate nel corso di scultura in creta tenuto da Nicola Losego, (istruttore volontario) con le opere del corso di pittura ad olio e acrilico seguito dal prof. Maurizio Favaretto, insegnante presso il Liceo Artistico di Venezia e con la presentazione del filmato "Ospiti" della pittrice veneziana Serena Nono.
L'ultimo giorno della mostra è stato ospite il sindaco prof. Massimo Cacciari che dialogando con gli autori ha manifestato la sua soddisfazione per il livello raggiunto dalla mostra e in particolare lodando i lunghi rotoli di dieci metri realizzati collettivamente.
L'ufficio CPM del comune di Venezia ci ha fornito 210 locandine e 250 cataloghi.

Il sindaco Massimo Cacciari con un ospite della Casa

Seconda Mostra del Laboratorio di Pittura

A novembre 2008 abbiamo allestito la Mostra: "Muri porte e persone" con 45 opere realizzate durante l'anno 2008 nel corso tenuto dal prof. Maurizio Favaretto, a sala S. Leonardo, con la collaborazione del Presidente della Municipalità di Venezia Enzo Castelli e con la partecipazione dell'ufficio CPM (ufficio grafico del comune di Venezia) che ha fornito 180 locandine.

Le Mostre artistiche hanno riscosso molto successo da parte del pubblico e delle istituzioni, possiamo finalmente dire che i nostri ospiti di S. Alvise non sono più gli invisibili che la società veneziana emarginava, ma ora hanno più amici, si stano integrando socialmente e fisicamente, rappresentano una presenza in città, probabilmente per alcuni di essi sia un inizio del recupero di relazioni con se stesso, con suoi compagni e con la società."

 

Mostra nel liceo artistico statale di Venezia "La follia nell'arte"

Organizzato dal Liceo artistico a marzo 2008

Maurizio Favaretto spiega:

"Sono molti gli argomenti emersi nel corso di questa attività, ma una cosa mi ha particolarmente colpito: il fatto che malgrado un numero contenuto di ospiti materialmente dipingesse tutti gli altri ci girassero intorno ad attacar discorso, a fare dell'umorismo. Così la lezione di pittura era stranamente un'occasione per fare dei discorsi collettivi sui vari argomenti affrontati. La mia consolidata esperienza di didatta con un' utenza adulta mi ha sempre convinto che metterci amore, entusiasmo e puntare su validi obiettivi è il modo giusto di lavorare.

Persone come gli ospiti di S. Alvise hanno più che mai bisogno di queste attenzioni. A volte sembrano distratti o lontani dall'impegno personale, ma se gratti la superficie il sogno di un mondo migliore per sé e per tutti salta fuori, fresco come quello di un ragazzino. Il sottoscritto ha sempre cercato, e a volte con successo, di elevare il tono e la qualità della conversazione e dei pensieri espressi e la serietà di Ana e le visite di Serena hanno contribuito a questo.

Dipingere è una questione di mano, ma quella è l'attività ultima e forse la meno importante. Prima c'è il guardare e farsi un' opinione sensitiva di tutto ciò che si vede. Manualmente si fanno dei progressi molto velocemente, ma il non saper guardare, vedere ciò che ci passa davanti gli occhi non è dato per esperienza ma per sensibilità, attenzione e concentrazione. Non con il pensiero, anzi il pensare alle immagini è dannoso. Le immagini bisogna vederle, sviscerarle, curiosarci dentro, percepirle; pensarle invece è ricordarle, cioè non farsene un'esperienza diretta dal vivo.

Nascoste tra osservazioni di carattere generale ampiamente condivisibili ho portato nozioni serissime in merito al significato dei segni, dei colori, della composizione e a tutti gli elementi costituenti il linguaggio della pittura. Importante è stata la scelta condivisa di dipingere assieme sulla stessa superficie, una cosa che comporta l'intrecciarsi del proprio lavoro con quello degli altri. All'inizio ci sono stati alcuni attriti, necessari per prendere le misure, poi il confronto è stato totale. Accettare che un altro cambi il tuo disegno, si sovrapponga o muti il suo significato è una cosa notevole. Il progetto in comune di dipingere rotoli di pittura è stato il fine ultimo a cui hanno atteso sacrificando un po' di individualismo alla causa del buon risultato complessivo. Credo che aver dipinto, forse non li avrà resi felici ma sicuramente ha aperto loro degli squarci di realtà possibile: immaginarsi diversi e vedere delle prospettive davanti a sè."

Maurizio Favaretto

Nell'anno 2009

Lavoro di decorazione pittorica presso la sala Gianni da Villa nel CDO di Mestre

inaugurazione_affresco_01 inaugurazione_affresco_02 inaugurazione_affresco_03 inaugurazione_affresco_04 inaugurazione_affresco_05 inaugurazione_affresco_06 inaugurazione_affresco_07 inaugurazione_affresco_08 inaugurazione_affresco_09 inaugurazione_affresco_10 inaugurazione_affresco_11 inaugurazione_affresco_12 inaugurazione_affresco_13
"La pittura muraria eseguita nella saletta stampa "Da Villa" della Casa dell'Ospitalità di Mestre nasce per iniziativa del Direttore Nerio Comisso. Mi sono spostato da S. Alvise colà con gli ospiti rimasti del gruppo di pittura: Luigi Perego, Fabio Rosso e Renzo Matiello. Del gruppo originale facevano parte altri tre bravi elementi come Antonio (trasferito a Firenze), Petru (trasferito in Irlanda) e Alberto (trasferito in Belgio).

Io concepisco lavori che siano frutto di idee e progetti che si adattano al luogo, al contesto culturale, all'uso e alle persone, così la scelta del linguaggio figurativo usato è il risultato di una riflessione sulle persone che vivono la Casa dell'Ospitalità . Molti linguaggi artistici contemporanei tipo quelli materici, astratti, concettuali non erano adatti e mal si confacevano alle persone che usufruiscono quotidianamente di quello spazio.

Nella babele del nostro tempo personalmente non concepisco vi siano linguaggi superiori e linguaggi inferiori, più contemporanei o meno contemporanei ma qualunque sia il linguaggio adoperato rimane sempre la verifica della coerenza, della pregnanza, insomma se si tratta di un buon , onesto lavoro o un cattivo, mal fatto lavoro. L'idea di rappresentare Mestre con sullo sfondo Marghera e Venezia procede sulla stessa lunghezza d'onda. Mestre è fin troppo bistrattata e mettere in evidenza degli aspetti interessanti della città è quasi dovuto. La città è allo stesso tempo vecchia (perché c'è una storia a documentarlo) ma giovane, giovanissima dal punto di vista culturale. In Mestre vivono straordinarie persone che lavorano ad altissimo livello in tutti i settori del lavoro e della produzione culturale, ma non esiste un tessuto culturale, un humus culturale identificativo del quale i cittadini si sentano appartenenti. Le iniziative artistiche rimangono episodi isolati. Gli interventi sulla città diventano occasione di sfoggio di un'avanguardia di intellettuali in taluni casi odiati dalla cittadinanza , cittadinanza che subisce gli interventi sul territorio passivamente come non la riguardasse. Tutto il contrario delle aspettative dei nostri amministratori, i quali sono impegnati a cucire con tutte le iniziative quel tessuto culturale .

Proprio in una città come Mestre credo che la commissione pubblica possa essere veicolo di democrazia affinché i destinatari delle opere pubbliche siano grandi fette della cittadinanza e non un elite . Tutto questo senza fare demagogici sbandieramenti populisti ma progettando, cercando idee che sposino luoghi, storia, contesti culturali e uso degli spazi dei mestrini. Così un piccolo lavoro donato alla Casa dell'Ospitalità alla città mi piace: sia un modo diverso di operare e che di tutti quei discorsi fatti a tavolino prima e sopra una impalcatura poi da tre "matti" quali Maurizio, Luigi e Fabio rimanga qualcosa nell'aria"

Maurizio Favaretto

Progetti futuri

1 - Proposta per la decorazione pittorica dei sottopassaggi di "Quattro Cantoni" e di località "Cipressina" in coordinamento con il Presidente della Municipalità di Chirignago - Zelarino, Maria Teresa Dini, a gennaio 2009 abbiamo inviato la proposta alla Municipalità di Chirignago - Zelarino e per conoscenza al Sindaco del Comune di Venezia Prof. Massimo Cacciari Direzione Gabinetto del Sindaco, Maurizio Calligaro Assessore della Regione Veneto alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport, Massimo Giorgetti Assessorato alle Politiche Sociali, Sandro Simionato, Assessorato alla Produzione Culturale, Luana Zanella, Al Delegato ai LL.PP. Municipalità di Chirignago, Maurizio Enzo.

Il laboratorio artistico con una entusiasmante progressione fatta di passione e partecipazione è arrivato alla realizzazione dei lavori comunitari Ultimamente con un gruppo di Ospiti della Casa di S. Alvise ci siamo impegnati in lavori di risanamento e di decoro in fatiscenti edifici Veneziani e in questa veste siamo impegnati anche a decorare stanze di pregio presso edifici pubblici.

Allo scopo di collegare la nostra iniziativa con i progetti di inserimento lavorativo per alcuni ospiti della Comunità, e dopo successivi discorsi con il Presidente della nostra Fondazione Giovanni Benzoni e con il Direttore Nerio Comisso, visti i risultati fin qui raggiunti di qualità davvero rilevanti tanto che le quattro mostre di pittura fin qui realizzate sono state un crescendo di successi che ha permesso agli Ospiti di impegnarsi molto proficuamente cogliamo con entusiasmo la proposta del consigliere municipale Maurizio Enzo di formulare un progetto per il decoro dei sottopassaggi di via Castellana.

Abbiamo pensato di integrare l'operato degli Ospiti della Casa dell'Ospitalità con l'aiuto di studenti del Liceo Artistico (ragazzi con esperienza di pittura e decorazione murale in genere), formando una nutrita squadra di lavoro indispensabile vista l'estensione dell'intervento pittorico. Questa formula l'abbiamo già sperimentata con successo nelle aree di acceso al parco dell' ex ospedale Umberto I. La proposta è per il momento finalizzata al sottopasso dei "quattro cantoni" ma siamo pronti a proseguire anche i quattro sottopassaggi.

2 - Richiesta al Comune di Venezia di uno spazio - atelier per il laboratorio: per continuare a lavorare in modo più organizzato con le attività artistiche a S.Alvise è fondamentale poter disporre di uno spazio, un ambiente vicino alla struttura architettonica dove si svolge la vita della Comunità, all'interno del complesso del ex Umberto I.

3 - Asta quadri presso Semenzato: il Presidente prof. Giovanni Benzoni, sta organizzando un' asta con 45 opere scelte tra quelle realizzate dal laboratorio di S.Alvise e con delle opere del laboratorio artistico di Mestre al fine di raccogliere dei fondi per la Fondazione e la comunità. Prima dell'evento, il gruppo del Sistema Informativo di Venezia, con la collaborazione dell'ospite Emanuele Balsemin, ha iniziato ad organizzare un sito web, dove verranno pubblicizzate le singole opere che faranno parte dell'asta."

Ana Maria Reque

Vivere tre giorni con gli ospiti di S. Alvise come Fabio, Antonio e Luigi è stata un'esperienza importante con dei risultati positivi per noi tutti. Come ha segnalato il Monaco Sandro dopo la proiezione: "abbiamo da imparare dalla Vostra Comunità: ho visto ieri a cena che siete un gruppo molto affiatato... vi volete bene".

Inoltre abbiamo condiviso i riti e le cerimonie della settimana Santa: il falò, la veglia e la messa pasquale. Erano momenti che predisponevano alla riflessione. Penso che per gli ospiti che hanno partecipato a questa iniziativa sia stata molto produttiva, perché sono nate delle idee per nuovi progetti futuri, un'eventuale mostra del Laboratorio di pittura a Camaldoli e una proposta di Antonio Pelosi che riguarda l'organizzazione di una Comunità rurale.

Ringraziamo il presidente Giovanni Benzoni e Nerio Comisso.

 

Ana Reque               Fabio Rosso               Antonio Pelosi               Luigi Perego

 

eremo_camaldoli_001 eremo_camaldoli_002 eremo_camaldoli_003 eremo_camaldoli_004 eremo_camaldoli_005 eremo_camaldoli_006 eremo_camaldoli_007 eremo_camaldoli_008 eremo_camaldoli_009 eremo_camaldoli_010 eremo_camaldoli_011 eremo_camaldoli_012 eremo_camaldoli_013 eremo_camaldoli_014 eremo_camaldoli_015 eremo_camaldoli_016 eremo_camaldoli_017 eremo_camaldoli_018 eremo_camaldoli_019 eremo_camaldoli_020 eremo_camaldoli_021 eremo_camaldoli_023 eremo_camaldoli_024 eremo_camaldoli_025 eremo_camaldoli_026 eremo_camaldoli_027 eremo_camaldoli_028 eremo_camaldoli_029 eremo_camaldoli_030 eremo_camaldoli_031 eremo_camaldoli_032 eremo_camaldoli_033 eremo_camaldoli_034 eremo_camaldoli_035 eremo_camaldoli_036 eremo_camaldoli_037 eremo_camaldoli_038 eremo_camaldoli_039 eremo_camaldoli_040 eremo_camaldoli_042 eremo_camaldoli_043 eremo_camaldoli_044 eremo_camaldoli_045 eremo_camaldoli_046 eremo_camaldoli_047 eremo_camaldoli_048 eremo_camaldoli_049 eremo_camaldoli_050 eremo_camaldoli_051 eremo_camaldoli_052 eremo_camaldoli_053 eremo_camaldoli_054 eremo_camaldoli_055 eremo_camaldoli_056 eremo_camaldoli_057 eremo_camaldoli_058 eremo_camaldoli_059 eremo_camaldoli_060 eremo_camaldoli_061 eremo_camaldoli_062 eremo_camaldoli_063 eremo_camaldoli_064 eremo_camaldoli_065 eremo_camaldoli_066 eremo_camaldoli_067 eremo_camaldoli_068 eremo_camaldoli_069 eremo_camaldoli_070 eremo_camaldoli_071 eremo_camaldoli_072 eremo_camaldoli_073 eremo_camaldoli_074 eremo_camaldoli_075 eremo_camaldoli_076 eremo_camaldoli_077 eremo_camaldoli_079 eremo_camaldoli_080 eremo_camaldoli_081 eremo_camaldoli_082 eremo_camaldoli_083 eremo_camaldoli_084 eremo_camaldoli_085 eremo_camaldoli_086 eremo_camaldoli_087 eremo_camaldoli_088 eremo_camaldoli_089 eremo_camaldoli_090 eremo_camaldoli_091 eremo_camaldoli_092 eremo_camaldoli_093 eremo_camaldoli_094 eremo_camaldoli_095 eremo_camaldoli_096 eremo_camaldoli_097 eremo_camaldoli_098 eremo_camaldoli_099 eremo_camaldoli_100 eremo_camaldoli_101 eremo_camaldoli_102 eremo_camaldoli_103 eremo_camaldoli_104 eremo_camaldoli_105 eremo_camaldoli_106 eremo_camaldoli_107 eremo_camaldoli_108 eremo_camaldoli_109 eremo_camaldoli_110 eremo_camaldoli_111 eremo_camaldoli_112 eremo_camaldoli_113 eremo_camaldoli_114 eremo_camaldoli_115 eremo_camaldoli_116 eremo_camaldoli_117 eremo_camaldoli_118 eremo_camaldoli_119 eremo_camaldoli_120 eremo_camaldoli_121 eremo_camaldoli_122 eremo_camaldoli_123 eremo_camaldoli_124 eremo_camaldoli_125 eremo_camaldoli_126 eremo_camaldoli_127 eremo_camaldoli_128 eremo_camaldoli_129 eremo_camaldoli_130

Parco S. AlviseLavori svolti dalla Comunità nel Parco dell'ex - Umberto I da marzo a luglio 2008

Da anni il parco di S.Alvise è sempre stato occupato abusivamente da stranieri, malviventi e ragazzi tossicodipendenti, soprattutto nei mesi estivi.

Col proposito di migliorare l'immagine della Comunità nel sestiere di Cannaregio, e come intervento preventivo prima dell'arrivo dell'estate, rinasce il vecchio progetto di "Recupero e pulizie del Parco" ad iniziativa degli ospiti Franco Bianchin, e Luigi Perego. La prima settimana, Franco B. inizia un intenso e assiduo lavoro di pulizia delle erbe infestanti e dei rifiuti abbandonati accumulati da anni, iniziano lavorando volontariamente per 4 - 5 ore al giorno. Dopo la prima settimana di attività spontanea degli ospiti, coordinando con l'operatrice, rafforzano delle idee per arrivare a un solo scopo; dopo di che Franco B. con gli attrezzi (un decespugliatore e un flessibile col disco per tagliare l'acciaio) prestati dalla Coop. "Città anche mia" inizia a togliere le vecchie reti arrugginite che circondavano gli stretti accesi fino alla terrazza della struttura, sempre con l'ipotesi che un giorno si possa costruire un cancello nel limite con la palestra. Sono state tolte anche le reti che limitavano la vista sulla Laguna di Venezia. Il parco ha guadagnato nuove aree libere, e una bellissima vista panoramica.

Dal corso di acquerello alle mostre di pittura nel centro storico di Venezia
2006

Nell'anno 2005 sotto la direzione di Nerio Comisso, la struttura inizia un processo di trasformazione da Asilo Notturno a Comunità: ed è precisamente in questo contesto che l' attività artistica è stata riproposta con tre obiettivi di lavoro:

  1. Continuare con una tradizione nell' Asilo Notturno (i corsi di pittura ed acquerello tenuti da Donatella Besa dal 1999 al 2002).
  2. Riconquistare degli spazi fisici ad uso ludico-artistico e di socializzazione esterna-interna negli orari diurni (turno di pomeriggio).
  3. Recuperare e rafforzare le relazioni con gli altri ospiti della Comunità nascente.

Ed è così che a marzo del 2006 il corso rinasce come Laboratorio di pittura ed acquerello per la realizzazione di un libro collettivo.
Nei primi sei mesi di attività la ricerca di un luogo tranquillo e sereno dove dipingere e comunicare silenziosamente con gli ospiti interessati all'attività artistica era praticamente impossibile in quanto vi era una lotta costante contro la resistenza ai cambiamenti da parte di alcuni ospiti accolti da circa 30 anni.
Il gruppo composto da Pasquale F. Antonio P. Bruno B. Alfio F. Renato S. Enzo, Khaled L. Archimede B. Salvatore V. e Ana R. (operatrice) contava 11 partecipanti (includendo l'operatrice Donatella Besa). Il gruppo ha risposto all'iniziativa con entusiasmo e coraggio per vincere gli ostacoli e portare avanti la nuova attività nonostante le urla, gli insulti e i dispetti dei "padroni di casa", quindi anziché essere allietati da uno sfondo musicale si dipingeva accompagnati anche dalle urla del disagio e la disperazione di chi sentiva arrivare un cambiamento, finalmente sembrava che il vecchio Asilo Notturno cominciasse a cambiare aria, e ogni settimana con Donatella ci ritrovavamo di pomeriggio a motivare gli ospiti a buttarsi a sperimentare e giocare con il colore.

attivita culturali della Casa dell'ospitalità di Venezia e Mestre

Per alcuni il dipingere ad acquerello era come dialogare con la carta, con dei simboli che tentavano disperatamente uno dopo l'altro di comunicare un qualcosa... penso che alcune immagini possano essere viste come degli scatti fotografici che erano rimasti nella memoria di ognuno di noi.
I disegni trasmettevano dei messaggi, che le parole non riescono a comunicare, barche affondate prima dell'arrivo in Italia, piccole casette dipinte in modi diversi, volti femminili, tramonti lontani, ricordi di paesi e di terre lontane per alcuni, per altri sogni e ideali non dimenticati per un futuro migliore.

Vorrei commentare in particolare i disegni di Pasquale e Salvatore che inizialmente mi hanno trasmesso messaggi di tristezza. Sembrava che queste persone non avessero delle motivazioni, una strada da percorrere... dipingevano come se fossero in costante dialogo tra l'arte e il disagio; iniziavano a dipingere con dei bei disegni colorati ma dopo pochi secondi osservavo come la loro mano destra cancellava sinteticamente e ripetutamente la bellezza, fino a che la tela diventasse l'espressione del buio e l'oscurità... in quel tempo ricordo che uno di loro si rifugiava nell'arte per dimenticare e cercare di scappare dalla dipendenza dalle sostanze che lo distruggevano quotidianamente.

Questi disegni che noi rappresentiamo sono immagini della nostra fantasia e convivenza con gli altri. di riprendere a vivere come prima! E dimenticare il passato e pensare al futuro. (Pasquale Fornaro)

Con sorpresa abbiamo visto che nell'arco di alcuni mesi dopo diverse sezioni nel laboratorio, circa otto partecipanti avevano raggiunto dei livelli di produzione artistica soddisfacente per il gruppo e soprattutto per loro stessi.

Il gruppo della Scultura in creta

Tenuto da Nicola Losego come istruttore volontario, si è svolto da novembre 2006 a maggio 2007. Composto dagli ospiti Fabio, Alberto, Pasquale, Emilio, Giancarlo e Sergio, sempre presente anche se non si sforzava a produrre modellando la creta, ma ascoltava, giocava e giudicava in qualche modo anche lui. Si era integrato al gruppo e infine anche la sottoscritta modellava assieme agli ospiti in modo di instaurare un rapporto meno istituzionale ma più umano.

Op. Ana Reque

L'Istituzione comunale Casa dell'Ospitalità è espressione del Comune di Venezia per il quale gestisce il servizio previsto dalla legge di dare un ricovero a quanti ne sono privi.
Nel corso di questi anni ha incrementato i posti letto per un totale di 130 tra le varie strutture distribuite tra Mestre e Venezia.
Finalità principale della Casa dell'Ospitalità è quella di consentire alle persone, attraverso un coinvolgimento responsabile delle stesse, di uscire da situazioni di marginalità, evitando la cronicità e l'assistenzialismo, mediante la realizzazione di progetti personalizzati liberamente accettati dagli interessati.
Proprio perché la logica che presiede alla vita delle case non è dettata dall'idea della custodia, ma da quella della partecipazione, della responsabilità e dell'autonomia personale, il numero degli operatori è contenuto e da anni è sotto-organico: l'operatore sociale è nelle case una figura per lo più di affiancamento ed accompagnamento; la maggior parte dei lavori infatti, ad esempio il servizio di cucina, viene svolto dagli ospiti. L'stituzione opera infine, per uscire sempre e comunque dal ghetto e per divenire uno dei luoghi riconosciuti e vissuti da tutta la città, sia a Mestre sia a Venezia.

Informatici senza frontiere sta operando per:

  • sviluppare le applicazioni per la gestione delle attività dell'istituzione
  • realizzare un'aula informatica per gli ospiti
  • implementare una rete che colleghi le tre sedi dell'istituzione
  • programmare corsi di formazione per gli operatori e per gli ospiti